Cerca nel sito
HomepageRoy de Vita risponde  
Asimmetria mammaria

Blefaroplastica

Caviglie grosse

Cicatrice volto

Gigantomastia

Interno cosce
Iperidosi ascellare
Labbra sottili
Laserlipolisi

Lifting e fumo

Macchie del viso

Mastectomia radicale

Mastoplastica additiva e allattamento

Melasmi del volto

Quadrantectomia e ricostruzione mammaria

Rughe del labbro

Silicone

Smagliature

Roy de Vita Risponde

Asimmetria mammaria

Carissimo professore de Vita, ho 22 anni e un seno asimmetrico,la mammella sinistra è una 4° misura mentre la destra è una 3° scarsa. Hanno tessuti e forme differenti,cascante la sx e più soda la dx. Cosa ne pensa? La ringrazio anticipatamente,in attesa di una risposta che mi auguro possa essere incoraggiante. Distinti saluti. Patrizia Carissima Patrizia, innanzitutto ti dico che il tuo problema è molto più frequente di quanto non possa immaginare. Le asimmetrie sono di vario tipo e riguardano forma, volume e posizione. In rapporto al singolo caso clinico si decide cosa fare. La mia filosofia è quella di cercare il miglior risultato con le minori cicatrici possibili. Cordialmente Roy de Vita

inizio pagina

Blefaroplastica

Buongiorno, ho 38 anni e desidero sottopormi ad un intervento di blefaroplastica avendo da sempre per motivi congeniti le palpebre superiori “cadenti”. Ho però molti dubbi a causa di una mia tendenza alla formazione di cicatrici cheloidee (10 anni fa mi si sono formati cheloidi sulla pancia dopo l'asportazione di due nei). E' possibile che dopo molti anni la tendenza alla formazione di cheloidi non ci sia più? O che in altre parti del corpo come le palpebre la cicatrizzazione sia diversa/migliore? (Recentemente un grosso taglio sul sopracciglio mi è guarito perfettamente) E’ possibile che un occhio cicatrizzi diversamente dall’altro? Esistono precauzioni o tecniche operatorie che scongiurano il rischio di una cattiva cicatrizzazione (ho letto dell'esistenza di cerotti al silicone per i cheloidi)? In conclusione secondo lei è possibile nel mio caso eseguire tale intervento in relativa sicurezza? Ringraziandola anticipatamente per la risposta la saluto cordialmente. Antonella Carissima sig.ra Antonella, comincio con il ripondere alla sua ultima domanda: direi proprio di si, è possibile eseguire nil suo intervento avendo sufficienti sicurezze di buone cicatrici. Deve sapere che esistono aree del corpo umano che guariscono sempre male come la regione dello sterno o quella deltoidea (braccio). Ci sono invece zone che guariscono sempre bene come le palpebre. Possiamo quindi stare tranquilli che certamente non svilipperà cicatrici cheloidee dopo una blefaroplastica. Cordialmente Roy de Vita

inizio pagina

 

Caviglie grosse

Egregio professore, Vorrei sapere da Lei se è possibile ridurre (in maniera visibile e non in misura impercettibile) il volume delle caviglie....Naturalmente io che adoro le gambe ossute mi ritrovo ad avere gambe massiccie come un giocatore di calcio!!! Intanto La ringrazio anticipatamente per la risposta. Cordiali saluti Marinella Cara Marinella,la verità è che la liposuzione alle caviglie dà risultati assolutamente insoddisfacenti e come dice Lei i miglioramenti sono poco più che impercettibili. Io personalmente Le sconsiglio questo tipo di intervento. Allo stesso tempo Le dico che purtroppo non esiste al momento un rimedio efficace per la problematica che la affligge. Mi dispiace deluderla, e la invito a non inseguire false promesse e a non buttare i suoi soldi. Cordialmente Roy de Vita

inizio pagina

Cicatrice volto

Egregio Professore, desidererei la cancellazione di una cicatrice allo zigomo destro e di una al mento dovuta a intervento chirurgico per l’asportazione di un granuloma. Distinti saluti Francesca Carissima sig.ra Francesca, ha purtroppo usato un termine improprio. Non esiste nulla per cancellare le cicatrici. Talvolta è possibile attenuarle e quindi migliorarle, altre volte invece nemmeno quello. Mai comunque è ipotizzabile farle sparire. Se qualcuno glielo dovesse promettere si ricordi che sono promesse da marinaio… Cordialmente Roy de Vita

inizio pagina

Gigantomastia

Caro professor de vita , sono una ragazza di 23 anni con un grande problema. Il mio è sempre stato un GRANDE problema le spiego: mi sono sviluppata all ' età di 11 anni, mi sono trovata ad avere un corpo da donna in un corpo e una mentalità da bambina. A 12 anni il mio seno era enorme, portavo la 4..Ho combattuto per poterlo tenere nascosto fino ad un paio di anni fa ....le riesce a capire per una bambina cosa possa significare ..adesso all'età di 23 anni nel pieno della mia giovinezza vorrei fare un operazione per il risollevamento e modellamento. Purtroppo la forza di gravità sta agendo e il mio seno inizia a cedere. La ringrazio di cuore.. Alessandra Cara Alessandra, mi viene sempre da sconsigliare ad una ragazza giovane come te un intervento chirurgico di mastopessi (il riposizionamento di cui parli). Ci sono molte cicatrici da fare (al contrario dell'intervento per aumentare il seno di volume, dove le cicatrici sono quasi inesistenti) e quindi raramente ne può valere la pena alla tua età. Non avendoti visitato però non posso fare affermazioni definitive. Ritengo sia indispensabile fare una visita con lo specialista per valutare tutti i fattori prima di prendere qualsiasi decisione Cordialmente Roy de Vita

inizio pagina

Interno cosce

Mio caro Professore, le scrivo per un problemino che mi crea grandi fastidi. Il grasso in eccesso nell’interno coscia e vorrei fare una liposuzione Purtroppo la paura mi ha sempre un po’ frenata, ma ora mi sono decisa e vorrei affidarmi a lei. Aspetto con ansia il suo parere. Distinti saluti. Arianna  Cara Arianna, l'interno cosce è un problemone! In quell'area infatti la cute non si ridistribuisce bene dopo la liposuzione e tende a fare pieghe che sono più brutte del grasso in eccesso. Non le consiglio quindi l’intervento, ma comunque esistono dei rimedi alternativi ed efficaci di tipo medico che possono essere adottati Cordialmente Roy de Vita

inizio pagina

Iperidosi ascellare

Caro Professore, vorrei avere informazioni sulla cura dell'iperidrosi ascellare. E’ vero che si può curare con il botulino? Esistono eventualmente metodi alternativi? Grazie. Daniele Carissimo Daniele, il botulino è un cura efficacissima per l’iperidrosi ascellare, ma anche per la sudorazione eccessiva di mani e piedi. Si ricordi che l’effetto del botulino è temporaneo e quindi il trattamento va ripetuto. Un’alternativa al botulino c'è ed è la Luce Pulsata. Anch’esso va però ripetuto, a secondo del caso clinico, più volte. Cordialmente Roy de Vita

inizio pagina

Labbra sottili

Caro Prof. de Vita, da sempre sono una persona schiava di rossetto e matita a causa di un labbro superiore molto piccolo. C'è un modo per riempire il labbro in modo definitivo, visto che non sopporterei il peso psicologico di dover ripetere il riempimento costantemente? E lei, soprattutto, me lo consiglierebbe tenendo conto della bontà e della sicurezza del prodotto da usare e tenendo conto che vorrei un riempimento minimo, giusto per migliorare appena la situazione (non vorrei sembrare "rifatta", insomma)? La ringrazio anticipatamente per la sua risposta e gentilezza. Olga Carissima Olga, i riempimenti più belli vengono fatti con l’acido jaluronico, che però si riassorbe in tempi rapidi. Sostanze definitive non andrebbero mai utilizzate per due motivi: innanzitutto ciò che modifichiamo oggi, nel tempo continuerà a cambiare mentre la modifica rimarrà stabile, creando quindi fatalmente una discrepanza. In secondo luogo i fillers definitivi non sono mai sicurissimi. Ciò nonostante esistono casi in cui si possono utillizzare altre tecniche di riempimento che potrebbero essere prese in considerazione come il grasso autologo. Cordialmente Roy de Vita 

inizio pagina

Laserlipolisi

Volevo chiedere un\'opinione sui trattamenti di "Laserlisi" ovvero trattamenti delle panniculopatie con energia laser (Laser Neodimio-Yag) Grazie e migliori saluti Giorgia Cara Giorgia, non credo affatto a questo tipo di trattamenti a cui lei fa riferimento (laserlipolisi). La liposuzione rimane, nelle disposità localizzate, il tratamento di scelta. Cordialmente Roy de Vita

inizio pagina

Lifting e fumo

Caro professore de Vita, compio tra breve 52 anni e sarei interessata ad un lifting del viso. Ilm mio fisico è asciutto, ben allenato e godo di ottima salute. Ho recentemente fatto un check-up completo con risultati perfetti. Non bevo, ma purtroppo sono un’accanita fumatrice (oltre 1 pacchetto al giorno) Nell'attesa di un Suo cortese riscontro, La ringrazio sin d'ora e Le invio i miei cordiali saluti. Gabriella Gentilissima sig.ra Gabriella, purtroppo la blocco sul nascere. Nonostante la sua ottima salute e le analisi perfette le sconsiglio vivamente un intervento di lifting del volto. Il motivo è il fumo. Deve sapere che oltre ai danni che porta all’apparato respiratorio (gola e polmoni), il fumo determina anche una riduzione del micro-circolo vascolare. I tessuti quindi sono meno irrorati e di conseguenza le possibilità di complicanza sono molto elevate.Per complicanza intendo una necrosi (perdita) dei tessuti che, anche se piccole, hanno però effetti devastanti da un punto di vista estetico. Cordialmente Roy de Vita

inizio pagina

Macchie del viso

Caro Professore, sono un uomo di 53 anni e da qualche tempo mi si sono formate un paio di macchie scure sul viso. Una sulla guancia sn sotto l'occhio e una sulla tempia sn. Vorrei sapere se queste problematiche sono rimediabili con il laser. Non vorrei per ora sottopormi ad interventi chirugici. Ho seguito spesso il suo lavoro e le sue interviste, e sento di potermi fidare di lei. Le sarei grato se potesse darmi un consiglio. Grazie... Un cordiale saluto Carlo Carissimo Carlo, dal racconto che ha fatto ritengo che le sue siano cheratosi senili e cioè macchie che possono essere rimosse. I sistemi più efficaci sono la Luce Pulsata ed il Laser. Cordialmente Roy de Vita

inizio pagina

Mastectomia radicale e consenso informato

Gentile professore de Vita, ho subito una mastectomia radicale al seno sn. Durante l’intervento mi è stato asportato anche tutta l’areola ed il capezzolo arbritariamente, senza averne mai discusso prima dell’operazione. L’esame istologico definitivo peraltro ha evidenziato che i tessuti relativi all’areola ed al capezzolo erano esenti da infiltrazione neoplastica. A questo punto vorrei che lei mi spiegasse se è lecito intervenire su una paziente senza averne prima l’autorizzazione, ma soprattutto capire per quale motivo il chirurgo abbia deciso, senza sapere l’esito dell’esame istologico di devastare la stessa sia esteticamente che psicologicamente in maniera irreparabile. Rimango in attesa di un suo riscontro Mirella Carissima Sig.ra Mirella, sono molti i fattori che determinano l'orientamento chirurgico nei carcinomi mammari. Devo peraltro aggiungere che a tutt'oggi lo stato dell'arte prevede in moltissime circostanze l'asportazione di cute comprendente il complesso areola-capezzolo. Mi sorprendo anzi che mai, a suo dire, i chirurghi che l’hanno operata ne abbiano fatto menzione. Non è certamente corretto fare qualcosa senza preavvisare la paziente anche se nel suo caso non avrebbero potuto fare diversamente adottando il tipo di intervento che ha subito. E’ vero che oggi alcuni centri di alta specializzazione eseguono, sempre quando possibile, un intervento che risparmia il complesso areola-capezzolo. Ma quest’intervento che prende il nome di Nipple sparing mastectomy, non è ancora lo stato dell’arte. Significa che non è considerato né obsoleto, né sbagliato rimuovere tutta la cute ed il capezzolo della mammella malata come è stato fatto a lei. E’ indiscutibile infine che la devastazione fisica e psicologica della paziente sia rilevante ed è proprio questo il motivo per cui si studiano in continuazione tecniche efficaci ma conservative. Cordialmente Roy de Vita

inizio pagina

Mastoplastica additiva e allattamento

Caro professore de Vita, dopo 2 gravidanze il seno è completamente svuotato. Ho smesso l’allattamento da circa 1 mese. Le chiedo informazioni riguardo una mastoplastica additiva. La ringrazio in anticipo. Anna Maria Carissima sig.ra Anna Maria, bisogna innanzitutto aspettare almeno 9 mesi dalla fine dell'allattamento prima di effettuare un intervento di mastoplastica additiva, per evitare interferenze negative con la ghiandola mammaria. E’ opportuno inoltre che il seno si assesti e si stabilizzi dopo l'allattamento. La saluto caramente Roy de Vita

inizio pagina

Melasmi del volto

Egregio professor de Vita, ho un Melasma diffuso al viso con delle macchie che in estate mi fanno apparire simile ad un leopardo! Dopo vari tentativi con acidi che hanno solo peggiorato la mia situazione mi rivolgo a Lei per saper se c’è qualcosa che possa fare. Resto in attesa di una soluzione al mio problema, che solo lei mi potrà dare, le invio Cordiali Saluti. Luciana Carissima sig.ra Luciana, purtroppo sino a questo momento riusciamo solo a schiarire i melasmi. Anche in maniera considerevole, ma non a cancellarli. Bisogna in ogni caso valutarli perchè ogni caso è a se stante. Le erapoie in genere sono combinate con impiego di Luce Pulsata e creme a base di una sostanza schiarente che si chiama idrochinone. Cordialmente Roy de Vita

inizio pagina

Quadrantectomia e ricostruzione mammaria

Egregio Prof. De vita, nel dicembre 2005 ho subito una quadrantectomia al seno sinistro per un carcinoma in situ, e nel mese di marzo del 2006 sono stata sottoposta ad un ciclo di radioterapia. Non eseguo nessuna terapia farmacologica. Ho 46anni e vorrei sottopormi ad un intervento ricostruttivo che elimini l'asimmetria che si è creata e, possibilmente, aumenti leggermente il volume di entrambi i seni, ma senza pregiudicare il mio stato di salute. Vorrei sapere da lei, se possibile, quali sono i rischi per la salute e gli eventuali risultati estetici riportabili. Inoltre vorrei sapere gentilmente se il suo intervento è possibile solo in regime di solvenza o anche con il sistema nazionale sanitario. In attesa di una sua cortese risposta, la ringrazio e la saluto. Loredana Carissima Loredana, partiamo da un punto fondamentale: dopo un intervento per Ca mammario e radioterapia, anche il migliore intervento di chirurgia ricostruttiva le lascerà sempre una asimmetria e quindi è impossibile riottenere due mammelle perfettamente uguali. Fatta questa doverosa precisazione le devo dire che oggi abbiamo a disposizione tante metodiche che sono di grandissimo ausilio nell'ottenere risultati molto brillanti. Nessun problema di salute quindi per lei in caso di ricostruzione mammaria, ma mi raccomando, non abbia aspettative irrealistiche. Cordialmente Roy de Vita

inizio pagina

Rughe del labbro

Carissimo professore de Vita, il mio cruccio sono le rughette attorno alle labbra . Tempo addietro mi sono decisa a fare le iniezioni di acido ialuronico pero' le rughe si distendono ma le labbra vengono ad assumere la forma di canotto che non mi piace assolutamente. C'e' un altro metodo per eliminare le rughe e non gonfiare le labbra? La prego mi risponda! Giovanna Carissima sig.ra Giovanna, un metodo più efficace ma con altre controindicazioni è il Laser. Quelli di ultima generazione senza essere eccessivamente invasivi danno ottimi risultati attenuando le ruchette più profonde e cancellando le più superficiali. Cordialmente Roy de Vita

inizio pagina

Silicone

Stimato Prof. de Vita, sono una paziente di 43anni, con un grande problema ed un disagio quotidiano enorme. Una decina di anni fa un chirurgo mi propose di riempire le mie rughe naso-geniene, infiltrando del silicone liquido. Stupidamente accettai. Adesso a distanza di anni mi ritrovo con degli evidentissimi bozzi. Le assicuro che il mio disagio sociale e psicologico è ormai insopportabile. E la pelle del volto, perdendo anno dopo anno elasticità non fa altro che risaltare tali "obbrobri". Sarei ben disposta a sopportare qualsiasi terapia, qualsiasi intervento almeno migliorare il mio aspetto. Accetterei di buon grado anche una "naturale" cicatrice al posto di questi "palloncini" che mi ritrovo sul volto. Nella speranza che lei possa mettere al mio servizio la sua enorme esperienza, Le rivolgo con stima i miei più cari saluti Annalisa Carissima sig.ra Annalisa, mi spiace dirle che purtroppo il silicone non riusciremo mai a levarlo completamente dal suo volto, ma accettando le cicatrici, almeno potremmo migliorare le sue condizioni. Il silicone liquido infatti si spande nei tessuti infiltrandoli e non c’è alcuna possibilità di rimuoverlo del tutto. Non è infatti come quello delle protesi al seno che è racchiuso in un contenitore ed è in forma di gel e non di olio. Cordialmente Roy de Vita

inizio pagina

Smagliature

Carissimo professore de Vita, ho molte smagliature di vecchia data. Esiste un trattamento per eliminarle? Aspetto fiduciosa una sua risposta. Cordiali saluti Adriana Gent.ma sig.ra Adriana, allo stato attuale non esiste alcun rimedio efficace per le smaglaiture. Non butti il suo denaro e non insegua promesse che si rivelerebbero da marinaio. Tenga però sempre le antenne alzate perchè il problema è molto sentito e quindi ci sono tanti studi in proposito, che ci auguriamo portino a dei risultati. Cordialmente Roy de Vita

inizio pagina

copyright © 2008 - tutti i diritti riservati - credits